Welcome in Napoli ! We want you to enjoy your stay in Naples. We are here to offer tourist services in NAPOLI during your stay.

Dovunque sono andato nel mondo ho visto che c’era bisogno di un poco di Napoli. 
Wherever I went around the world I saw that there was a need for a little bit of Naples.

Castelli di Napoli

0

Oltre all’ottimo cibo, il clima piacevole e la celebre musica, Napoli vanta diverse architetture che l’hanno resa famosa come la città dei sette castelli: Castel Capuano, Castel Nuovo – conosciuto anche come Maschio Angioino, Castel dell’Ovo, Castel Sant’Elmo, Castello di Nisida, Castello del Carmine e il Forte di Vigliena.

I castelli di Napoli sono visitabili facilmente e a piedi poiché sono situati nelle strade principali: potrebbero addirittura rappresentare una traccia da seguire per ammirare le viste più suggestive della città.

Castel Capuano è situato alla fine di via dei Tribunali, così chiamata poiché il viceré don Pedro de Toledo vi fece situare ben cinque tribunali. Nel salone dei busti del castello, infatti, si trovano i busti dei più grandi giuristi della scuola giuridica di Napoli. Raggiungibile in pochi minuti dalla stazione centrale in Piazza Garibaldi, il castello deve il suo nome alla vicinanza a Porta Capuana, da cui precedentemente ci si recava verso la città di Capua.

Castel Nuovo, o Maschio Angioino, è nelle immediate vicinanze di Piazza Municipio. Questo castello è stato visitato da tantissime personalità dell’arte come Maso di Banco e Giotto che ne hanno affrescato gli interni. Altro elemento cui prestare attenzione è il portale di Andrea dall’Aquila, allievo di Donatello. Poco lontano è situato un altro dei più famosi castelli di Napoli, Castel dell’Ovo. Il castello deve il suo nome a un uovo situato in una piccola gabbia sotto l’isola di Megaride. Secondo Virgilio, la sorte della città dipende da questo uovo: fin quando è intatto non c’è nulla di cui preoccuparsi.

Nel quartiere Mercato, raggiungibile da via Nuova Marina, c’è quel che rimane del Castello del Carmine. La struttura, le cui origini risalgono al 1382, venne demolita nel 1906 ma è tutt’ora visibile la Torre Spinella e dei resti di mura aragonesi.

Il Sant’Elmo è probabilmente il più panoramico tra i castelli di Napoli: dalla sua collina è possibile ammirare quasi tutta la città dall’alto e le isole più vicine. Inoltre, il castello ospita al suo interno un museo di arte contemporanea.

Distanti dalle vie centrali sono il Castello di Nisida, sull’isola di Nisida, che aveva un ruolo nel sistema difensivo della città all’epoca di Pedro de Toledo, e il Forte di Vigliena i cui resti sono a San Giovanni a Teduccio.

Share.

Comments are closed.